Author Archives: wp_GiorgioPivato

PIVATO LIVE ON SKY TG 24 – MUSICA

Category : PRESS AREA

In diretta dagli Studi Sky Sport il Dottor Giorgio Pivato ci parla delle patologie della mano, ne soffre il 75% dei musicisti 
https://tg24.sky.it/salute-e-benessere/2018/09/17/patologie-mano-musicisti.html?fbclid=IwAR3fr9eAoPjM-acovhdIjrVrsZv0Ip7gLzlO9eabtoxmKcNqq56NwKH-0Ro


Rassegna Stampa: La Stampa

Category : PRESS AREA

Al Gradenigo domani visite gratuite per i musicisti

Ogni strumento “soffre” di una specifica patologia: e i chirurghi della mano si mettono a disposizione

Al Gradenigo domani visite gratuite per i musicisti 
https://www.lastampa.it/2018/09/17/cronaca/al-gradenigo-domani-visite-gratuite-per-i-musicisti-ot4C3ctuNZsLB0XQIhyphL/pagina.html?fbclid=IwAR234m6PnEnduJHTL_HQvK9aiT0UtL9psOtwC1Z8ZZV-pF93Qiy4dS9uUaw


I musicisti e le patologie della mano

Category : NEWS

Mani, quartetto d’archi nella giornata dedicata alla prevenzione

Martedì 18 settembre gli specialisti del Centro di Chirurgia della mano hanno visitato gratuitamente decine di musicisti per individuare le patologie più diffuse del polso e della mano. Nello stesso giorno s’è tenuto il tradizionale concerto che con “Settembre Musica – MITO per la città” ha portato le note di Franz Jospeh Haydn ed Ennio Morricone nella Cappella dell’Ospedale.


PIVATO LIVE ON SKY SPORT 24 – SPORT

Category : PRESS AREA

In diretta dagli Studi Sky Sport il Dottor Giorgio Pivato ci parla della sua esperienza professionale con gli sportivi.


Mano sinistra

Category : CURIOSITÀ

I MANCINI

 

  1. I mancini costituiscono circa il 3% della popolazione nelle società primitive più pacifiche, ma il 27% in quelle più bellicose. I ricercatori ritengono che nelle società violente, i mancini possano beneficiare del loro gancio sinistro inaspettato. [5]
  2. Le donne hanno più probabilità di essere destrorse rispetto agli uomini di circa 4 punti percentuali. [11]
  3. Il 10-12% delle persone sulla terra sono “mancini” [11].
  4. Alcuni studiosi osservano che i mancini possono essere una delle ultime minoranze non organizzate nella società perché non hanno alcun potere collettivo e nessun vero senso di identità comune. Inoltre, i mancini sono spesso discriminati da istituzioni sociali, educative e religiose. I costumi sociali e persino il linguaggio definiscono i mancini come “diversi” e persino “cattivi”. [2]
  5. In vari momenti della storia, essere mancini è stato interpretato in molti modi differenti: la mancina è stata vista come molte cose: un’abitudine cattiva, un segno del diavolo, un segno di nevrosi, ribellione, criminalità e omosessualità. È stato anche visto come un tratto che indica creatività e abilità musicali. [2]
  6. Molte fonti sostengono che i mancini potrebbero morire fino a nove anni prima rispetto ai destrimani. [2]
  7. La parola “left” (sinistra) in inglese deriva dalla parola anglo-sassone “lyft”, che significa debole o spezzata. [2]
  8. Essere mancini è due volte più comune nei gemelli rispetto alla popolazione generale. [6]
  9. Alcune frasi in inglese suggeriscono una visione negativa dell’essere mancini. Ad esempio, un “complimento per mancini” è in realtà un insulto. Un “matrimonio mancino” non è un matrimonio ma una relazione sessuale adultera, come in una “luna di miele mancina con il marito di qualcun altro”. Una “moglie mancina” è in realtà un’amante. [2]
  10. Famosi intellettuali mancini sono Albert Einstein, Isaac Newton, Charles Darwin e Benjamin Franklin. [2]
  11. Le madri che hanno più di 40 anni al momento della nascita di un bambino hanno il 128% in più di probabilità di avere un bambino mancino rispetto a una donna di 20 anni. [2]
  12. In riferimento alla vita sessuale di una persona, un “mancino” è un omosessuale. [3]
  13. Il termine tedesco per indicare un mancino è linkisch, il che significa imbarazzante, scomposto, maldestro. In italiano, la parola mancino, che deriva da “storto” o “mutilato” (mancus) significa anche ingannevole o disonesto. In russo, essere chiamato mancino levjaè un insulto. [3]
  14. In latino, la traduzione di sinistra è sinister, correlata al nome sinistrum. Ambisinistersignifica “goffo da entrambi i lati”. [2]
  15. Tra gli eschimesi, ogni persona mancina è vista come un potenziale stregone. In Marocco, i mancini sono considerati un s’ga, una parola che significa o un diavolo o una persona maledetta. [3]
  16. Nel Talmud, il capo di Satana o Principe dei Demoni si chiama Samael, che è associato alla parola ebraica per lato sinistro, se’mol. L’angelo Michele siede sul lato destro di Dio, mentre Samael è alla sua sinistra. Questa attribuzione del male a sinistra e del bene a destra appare in varie forme in tutto il mondo. [2]
  17. Le madri stressate hanno maggiori probabilità di avere un figlio mancino
  18. La ricerca ha dimostrato un legame tra il trauma durante la gestazione o durante la nascita con una maggiore possibilità di essere mancino. [2]
  19. La parola “destrezza” ha un’accezione positiva ed è correlata alla mano destra. [3]
  20. Gli Incas pensavano che i mancini fossero in grado di guarire e che possedessero abilità magiche. La tribù degli Zuni nordamericani riteneva che essere mancinisi fosse un segno di buona sorte. [3]
  21. Herbert Hoover è considerato il primo presidente americano mancino, anche se James Garfield era in grado di scrivere il greco con la mano sinistra e il latino con la destra. [3]
  22. Molte rappresentazioni artistiche del diavolo mostrano che è mancino. [2]
  23. Nei testi di stregoneria nell’Europa medievale, era la mano sinistra che veniva usata per ferire o maledire un’altra persona. Per fare un maleficio, le streghe furono istruite a toccare silenziosamente il destinatario con la mano sinistra, il che avrebbe trasmesso la maledizione. [2]
  24. Durante l’Inquisizione spagnola, i mancini avevano più probabilità di essere torturati. [2]
  25. L’utilizzo di un quaderno a spirale è una forma moderna di tortura per un mancino
  26. Lo strangolatore di Boston, Jack lo Squartatore e Osama Bin Laden erano mancini. [2]
  27. Sia la tradizione ebraica che quella cristiana sono fortemente destrorse nella loro natura e nelle loro pratiche. Per i cattolici, gli anglicani, gli episcopali e altre denominazioni, il sacerdote deve presentare l’ostia della comunione con la mano destra e chi la riceve, la accetta con la mano destra. Tutte le benedizioni devono essere impartite con la mano destra, e un sacerdote simboleggia la “mano destra forte di Dio”. [2]
  28. Il filosofo ebreo medievale Maimonide (1135-1204 d.C.) elencò 100 inestetismi che un prete ebreo non poteva avere, ed essere mancino era uno di questi. [2]
  29. In Scozia c’è un detto che descrive una persona sfortunata: “Deve essere stato battezzato da un prete mancino”. [2]
  30. La mano destra è menzionata positivamente 100 volte nella Bibbia, mentre la mano sinistra è menzionata solo 25 volte, tutte negativamente. [2]
  31. In molti paesi islamici è vietato mangiare con la mano sinistra, che è considerata “sporca” perché è usata per pulire il corpo dopo la defecazione. [3]
  32. Il 20% dei membri del MENSA sono mancini
  33. I test condotti dalla St. Lawrence University di New York hanno rilevato che c’erano più mancini con QI superiori a 140 rispetto ai destrimani [2].
  34. Anche se circa il 90% di tutti gli esseri umani sono destrimani, gatti, ratti e topi sembrano essere equamente divisi tra destrimani e mancini. [2]
  35. I modelli di comportamento umano asimmetrico coinvolgono il piede, l’occhio, l’orecchio e la mano. Chi è destrorso con la mano lo è generalmente anche per gli altri organi. [2]
  36. Secondo la tradizione, una mano sinistra pruriginosa indica che perderete denaro. Un prurito della mano destra indica che riceverete denaro. [3]
  37. È stato dimostrato che livelli aumentati di testosterone nell’utero aumentano le possibilità di diventare mancino. Questo potrebbe spiegare la correlazione che sembra esistere tra mancinismo e alcuni disturbi immunitari, in quanto il testosterone è stato collegato a disturbi immunitari. [2]
  38. Gli studi hanno suggerito che i mancini hanno più talento nell’abilità spaziale, matematica e architettonica. I destrimani tendono ad avere più talento verbale. [2]
  39. Il gene LRRTM1 è un forte fattore che contribuisce al mancinismo. Gli scienziati hanno scoperto il gene durante uno studio su bambini dislessici e vi sono forti evidenze scientifiche che sia ereditato dal padre. [8]
  40. Il mancinismo ha una forte impronta familiare. I mancini nella famiglia reale britannica includono la regina madre, la regina Elisabetta II, il principe Carlo e il principe William. [2]
  41. Gli studi dimostrano che chi ha l’autismo ha più probabilità di essere mancino. [1]
  42. Il 13 agosto è il “Left Hander’s Day.” Lanciato nel 1996, questo evento annuale celebra chi è mancino e ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo alle difficoltà e alle frustrazioni che i mancini sperimentano ogni giorno in un mondo progettato per i destrimani. [7]
  43. Dio ha reso tutti destrorsi; il vero talento lo ha superato.- Anonimo
  44. Molte persone mancine disegnano figure rivolte verso destra. [11]
  45. I mancini hanno maggiori probabilità di essere dislessici e di balbettare. [4]
  46. Uno su quattro degli astronauti della missione Apollo erano mancini. [2]
  47. I collegamenti tra il lato destro e il lato sinistro del cervello sono più rapidi nelle persone mancine, il che suggerisce che i mancini sono più efficienti nel multitasking. [4]
  48. Il lato sinistro, che è storicamente considerato più debole e “cattivo”, è tradizionalmente considerato il lato femminile. Tuttavia, i dati scientifici attuali suggeriscono che gli uomini hanno maggiori probabilità di essere mancini rispetto alle donne. [2]
  49. Gli ultrasuoni mostrano che nel ventre materno, il 90% dei bambini sembra favorire il pollice destro, questo dato rispecchia la diversa distribuzione tra destrorsi e mancini in età adulta. [2]
  50. La ricerca indica che i mancini hanno maggiori probabilità di diventare alcolizzati, schizofrenici, delinquenti e dislessici. Hanno anche maggiori probabilità di avere la malattia di Crohn, la colite ulcerosa o disabilità mentali. Gli studiosi osservano che, malgrado queste malattie, i mancini sono sopravvissuti perché tradizionalmente hanno maggior successo in combattimento. [2]
  51. I ricercatori postulano che la percentuale di mancini sia rimasta costante per oltre 30.000 anni [2].
  52. Circa 30 milioni di persone negli Stati Uniti sono mancine [11].
  53. Gli studi suggeriscono che i bambini prematuri hanno più probabilità di essere mancini. Inoltre, i bambini con punteggi bassi di Apgar alla nascita hanno più probabilità di essere mancini rispetto ai bambini con punteggi Apgar più alti. [2]
  54. I ricercatori notano che in media i mancini raggiungono la maturità sessuale più tardi dei destrimani [2].
  55. Quando vengono posizionati a pancia in giù, i bambini destrimani tendono a girare la testa verso destra. I bambini mancini di solito girano la testa a sinistra o non mostrano alcuna preferenza. [2]
  56. Meno dell’1% della popolazione mondiale può essere considerato veramente ambidestro. [2]
  57. La ricerca suggerisce che i mancini sono leggermente più inclini alle allergie e all’asma rispetto ai destrimani. [2]
  58. Gli studi hanno dimostrato che se un mancino subisce un trauma alla sua mano dominante, ha un più facilità ad imparare ad usare l’altra mano rispetto ad un destrimane che subisca una leisone alla mano destra. [3]
  59. La fede nuziale viene tradizionalmente indossata sulla mano sinistra. [3]
  60. I mancini hanno più probabilità di sviluppare i sintomi del disturbo post-traumatico da stress dopo aver guardato un filmato horrorrispetto ai destrimani. [4]
  61. I cervelli dei mancini elaborano le emozioni in modo diverso rispetto a quelli dei destrimani e sono più suscettibili alle emozioni negative, come la rabbia. [2]
  62. Alcuni scienziati hanno suggerito che i mancini erano originariamente nel grembo materno con un gemello che non sopravvisse, o un “Vanishing Twin”. [2]
  63. Le parole più lunghe che possono essere digitate usando solo la mano sinistra con il posizionamento convenzionale delle mani sono sweaterdressese tesseradecades. [9]

 

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

  1. Asbery, Carolyn. “Left Hand, Left Brain: The Plot Thickens.” The DANA Foundation. October 1, 2005. Accessed: June 14, 2011.
  2. Coren, Stanley. The Left-Hander Syndrome: The Causes and Consequences of Left-Handedness. Detroit, MI: Free Press, 1992.
  3. Healy, Jane M. Loving Lefties: How to Raise Your Left-Handed Child in a Right-Handed World. New York, NY: Pocket Books, 2001.
  4. Left-handers Have Different View.” BBC. February 7, 2005. Accessed: June 29, 2011.
  5. MacMillan, Amanda. “20 Ways Being Left-Handed Impacts Your Health.” CNN. November 4, 2015. Accessed: September 24, 2016.
  6. MacMillan, Amanda. “Left-Handed: The Secret Perks and Pitfalls of Being a Southpaw.” Health. 2016. Accessed: September 23, 2016.
  7. Raum, Elizabeth A. Everyday a Holiday: Celebrating Children’s Literature. Lanham, MD: Scarecrow Press, 2001.
  8. Ravilious, Kate. “Gene for Left-Handed Trait Discovered.” National Geographic. August 1, 2007. Accessed: June 29, 2011.
  9. Spelled with Typewriter Letters from Left Hand.” Taxonomy of Wordplay. Accessed: June 29, 2011.
  10. Weird Unknown Left-Handed Scholarship Grants.” Scholarship Grants. 2011. Accessed: June 29, 2011.
  11. Wolmon, David. A Left-Hand Turn around the World: Chasing the Mystery and Meaning of All Things Southpaw. Cambridge, MA: Perseus Books Group, 2005.

 

 


Quiz

Category : CURIOSITÀ

DOMANDE A QUIZ

 

  1. Quali crescono più velocemente?

 

  1. Le unghie dei piedi
  2. Le unghie delle mani
  3. Crescono alla stessa velocità

 

Le unghie crescono circa il doppio delle unghie dei piedi, a 3,47 millimetri al mese rispetto a 1,62 millimetri al mese

 

 

  1. Quale mano viene più utilizzata durante la digitazione di una tastiera?

 

  1. La mano destra
  2. La mano sinistra
  3. Lavorano alla stessa maniera

 

Se posizionate correttamente le mani sulla tastiera, la mano sinistra eseguirà il 56% del lavoro.

 

  1. Quale dito è maggiormente esposto a rischio di fratture?

 

  1. Pollice
  2. Indice
  3. Mignolo

 

Le fratture del mignolo costituiscono circa un terzo di tutte le fratture della mano negli adulti. Perché? Il mignolo non è così protetto come le altre dita, e le dimensioni delle falangi sono approssimativamente simili a quelle di una matita sottile.

 

  1. Quanti muscoli ci sono nelle dita?

 

  1. Due
  2. Cinque
  3. Nessuno

 

Le dita non hanno muscoli. Le dita si muovono grazie a muscoli che si trovano nella mano, nel polso e nell’avambraccio.

 

  1. Le unghie continuano a crescere dopo la morte?

 

  1. Vero
  2. Falso
  3. Solo per le prime 24 ore

 

Questo è un mito, come quello sui capelli. La disidratazione fa sì che la pelle di un cadavere e i tessuti molli si restringano, rendendo le unghie più lunghe.

 

  1. Solo gli uomini hanno un pollice opponibile

 

  1. Vero
  2. Falso
  3. Anche le scimmie

 

 

  1. Cosa fa sì che vi sia una differenza di lunghezza tra l’anulare e l’indice?

 

  1. Proteine
  2. Testosterone
  3. Genetica

 

La differenza è determinata da questo ormone sessuale durante la crescita di un bambino nel grembo materno. La maggior parte degli uomini ha un anulare più lungo, mentre è vero il contrario per molte donne.

 

 

  1. Farsi schiocchiare le nocche favorisce l’insorgenza dell’artrosi alle mani?

 

  1. Vero
  2. Falso
  3. Solo se lo si fa più di 10 volte al giorno

 

Il rumore scoppiettante non è osseo, è lo scoppio di piccole bolle di gas nell’articolazione. Gli studi dimostrano che non esiste alcun legame tra questa abitudine e le articolazioni rigide e dolorose.

 

  1. Quale è la percentuale che da due genitori destrimani, nasca un figlio mancino?

 

  1. 50%
  2. 10%
  3. 35%

 

Gli scienziati pensano che essere mancino o destrorso dipenda da genetica, ormoni e sviluppo. Tuttavia, due genitori mancini sono la combinazione più probabile per avere un figlio mancino, con probabilità di circa il 35%.

 

  1. Le unghie non hanno sensibilità

 

  1. Vero
  2. Falso
  3. Solo quella del pollice

 

Le unghie non sono sensibili (altrimenti farebbe male quando le si tagliano). Il letto ungueale è pieno di terminazioni nervose e vasi sanguigni. Ecco perché un tocco sull’unghia è sentito al di sotto.

 


Anatomia

Category : CURIOSITÀ

ANATOMIA DELLE MANI

 

Le mani sono un capolavoro di ingegneria. Sono così complessi che dobbiamo ancora creare la loro uguaglia nonostante i nostri progressi tecnologici. Ecco alcune cose che potresti non sapere sulle mani:

 

1 a.        27 ossa: 14 solo nelle dita, tra falangi, prossimali, medie e distali. (Nel piede, invece, ce ne sono 26). Fatti i conti, nelle nostre estremità si concentra più della metà dei componenti dell’intero scheletro: 106 ossa su 206!

b.        18 muscoli

c.        29 articolazioni

d.        123 legamenti

e.        34 muscoli che muovono le dita lunghe e il pollice

i.   17 nel palmo

ii.   18 nell’avambraccio

f.           48 nervi

i.   3 nervi maggiori

ii.   24 rami sensitivi

iii.   21 rami muscolari

g.        30 arterie

 

2 Le dita non hanno muscoli, solo tendini.

La mano e le dita sono controllate da muscoli che hanno la loro inserzione distale e prossimale nella mano e sono chiamati muscoli intrinseci e da muscoli nell’avambraccio che vengono chiamati muscoli estrinseci

 

3 Ci sono più di cento legamenti nella mano: essi garantiscono il supporto e la stabilità alle articolazioni
4 Comandiamo le nostre dita “da remoto”. Naturalmente, in un certo senso, manovriamo tutte le parti del nostro mobili del nostro corpo tramite un telecomando: il centro di controllo è infatti il nostro cervello. Tuttavia, le dita sono speciali, perché non ci sono muscoli all’interno delle dita. I muscoli che fanno muovere le articolazioni delle dita si trovano nel palmo e nell’avambraccio e sono collegati alle ossa delle dita tramite i tendini, che muovono le dita come le corde di una marionetta.

 

5 Su ogni mano ci sono circa 20 mila recettori tattili: 100 per cm2 centimetro quadrato sulla punta delle dita, circa 20-30 per cm2 sul palmo.

 

6 Circa un quarto della corteccia motoria nel cervello umano (la parte del cervello che controlla tutti i movimenti nel corpo) è dedicata ai muscoli delle mani. Questo di solito è illustrato con un disegno di una figura umana drappeggiata sul lato del cervello, parti del corpo proporzionali alla quantità di cervello dedicata al loro movimento, indicato come un omuncolo, come illustrato in questo disegno dalla monografia del Dr. Wilder Penfield “The Cerebral Cortex of Man”:

 

7 I movimenti del pollice sono garantiti da 9 muscoli indipendenti, che sono innervati da tutti e 3 i nervi principali della mano. I movimenti sono talmente complessi e sofisticati che permettono l’esecuzione di sei movimenti su assi differenti a livello dell’articolazione trapezio-metacarpica.

h.         Flessione

i.             Estensione

j.             Abduzione

k.         Adduzione

l.             Opposizione

m.      Retropulsione

8 Quando si stringono le dita in un pugno, i polpastrelli si raggruppano naturalmente uno accanto all’altro: se si piegano tutti insieme, mantengono una direzione indipendente. Tuttavia, la tendenza naturale è che ogni punta del dito miri allo stesso punto alla base del pollice, il che è ben visibile quando si flette singolarmente ogni dito fino al palmo. Per questo motivo, se un problema alla mano (rigidità, gonfiore, ecc.) impedisce al dito di incrociare il lato del polpastrello adiacente a metà del pugno, quel dito tenderà ad incrociarsi e si sovrapporrà al dito adiacente quando si fa un pugno.

 

9 La pelle sul lato del palmo della mano e delle dita è unica per questi motivi:

a.         Non ha peli (il termine medico è glabro).

b.         Le impronte digitali.

c.         Non si abbronza di solito né il colore né la capacità di abbronzarsi.

d.         Duro e resistente, ma sensibile.

e.         È ancorata fino alle ossa mediante una fascia chiamata aponevrosi palmare. Questa disposizione impedisce alla pelle del palmo di scivolare come un guanto di gomma quando usiamo le mani per afferrare un oggetto. In alcune persone, questa fascia può ispessirsi e retrarsi, causando la malattia di Dupuytren (fibromatosi palmare).

 

10 Le dita non sono mai perfettamente dritte. Di solito, l’indice, l’anulare e il mignolo sono leggermente rivolti verso il medio e il dito medio può curvare verso entrambi i lati.

 

11 Le ossa delle dita sono diritte sul lato posteriore, ma curve sul lato del palmo. Quando pieghiamo le dita in un pugno, le ossa delle dita producono una forma simile a un cerchio in un quadrato, rotondo all’interno, quadrato all’esterno.

 

12 Quando facciamo un pugno, i polpastrelli si incurvano in una spirale, non in un cerchio. Questo perché le lunghezze delle ossa delle dita sono correlate in un modo spesso visto in spirali naturali. Queste spirali a loro volta si riferiscono a una serie matematica di numeri scoperti da Fibonacci nel 1202. In questa serie, ogni numero è la somma dei due numeri precedenti: 0, 1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, …e così via. Le lunghezze delle ossa delle dita si approssimano al rapporto dei numeri diFibonacci 2, 3, 5 e 8.

 

 

 

 


Segni e sintomi

Category : CURIOSITÀ

SEGNI E SINTOMI DELLE MANI

 

Formicolio e affaticamento

Avere le dita o anche un intero braccio insensibile o “informicolato” è qualcosa che una persona su dieci ha provato. Quella sensazione pungente potrebbe essere temporanea, il risultato della normale stanchezza, o il segno di un problema più serio.

Vediamo quali sono le possibili cause:

Quando solleviamo oggetti pesanti e poniamo i nostri polsi in posizioni scomode, aumentiamo la pressione sui nervi situati subito sotto la pelle. Questo può portare ad una sensazione di formicolio sulla superficie di tutte le nostre dita.

La mancanza di alcune vitamine (come le vitamine E, B1, B6 e B12) può spesso causare una sensazione di formicolio alle dita della mano sinistra o della gamba sinistra.

È necessario determinare, attraverso appositi esami, l’entità del problema e procedere al reintegro delle sostanza mancanti.

Vale la pena consultare uno specialista per determinare la dose giusta di cui si ha bisogno, in quanto anche un eccesso di alcune vitamine può avere effetti collaterali negativi.

Diversi problemi a livello della colonna vertebrale si possono manifestare con formicolio al mignolo ed all’anulare. Questo può verificarsi per un’eccessiva pressione a livello delle radici nervose che escono dalla colonna.

Si può provare ad allungare la schiena, fare yoga, ginnastica o nuoto. Evitare di trascorrere lunghi periodi in posizione seduta.

 

La sindrome del tunnel carpale si manifesta spesso con formicolio a carico del pollice, l’indice e il medio. A causa di alcune azioni che vengono ripetute più e più volte come parte del lavoro o dello stile di vita di una persona, i tendini possono gonfiarsi, comprimendo il nervo mediano che provoca un intorpidimento della mano.

Una semplice elettromiografia permette una diagnosi certa. In caso di conferma diagnostica è consigliabile rivolgersi ad un chirurgo della mano per ricevere il migliori consigli sul più corretto atteggiamento terapeutico da tenere.

Il formicolio nella mano può anche essere causato da alcune malattie cardiovascolari, che hanno un effetto sul flusso generale di sangue alle estremità.

Può aiutare fare passeggiate a passo moderato o fare ginnastica per migliorare la salute dei vasi sanguigni alle estremità. Problemi più gravi con la circolazione del sangue richiedono l’intervento di professionisti medici.

 

La Malattia di Buerger colpisce soprattutto i fumatori. Il flusso sanguigno viene ridotto dall’assunzione costante di nicotina, che a sua volta porta alla mancanza di minerali nel corpo. Questo provoca intorpidimento prima nelle dita, poi nell’intero braccio.

Non c’è modo di curare completamente questa malattia. Ma rinunciare alle abitudini nocive è un ovvio primo passo.

 

Unodei principali segni del diabete è una sensazione di formicolio irradiata ai piedi e alle mani. Ciò si verifica a causa di una riduzione del flusso di sangue in certe aree che causa un danno alle terminazioni nervose.

Il diabete di tipo 1 viene trattato con la somministrazione di insulina. Il diabete di tipo 2 può essere trattato anche solo con la dieta, quindi prima di tutto deve essere effettuato un esame del sangue e la consultazione con un medico.

 


Aforismi sulle mani

Category : CURIOSITÀ

AFORISMI

 

  1. I miei pensieri guidano la mano e la mano dimostra se il pensiero è giusto. (L.Mies Van der Rohe)

 

  1. Prendete in mano la vostra vita e fatene un capolavoro.(K. Wojtyla)

 

  1. L’operaio si lava le mani prima di pisciare e l’intellettuale dopo. (J. Prevert)

 

  1. Quando la mano di un uomo tocca la mano di una donna, entrambi toccano il cuore dell’eternità. (K. Gibran)

 

  1. Un bacio sulla mano può farti sentire meglio, ma una tiara di diamanti è per sempre. (M. Monroe)

 

  1. Non puoi stringere la mano con un pugno chiuso. (Gandhi)

 

  1. L’arte è la mano destra della natura. (F. Schiller)

 

  1. La mano di un uomo è come un animale addomesticato solo per metà: fa la brava quasi sempre, ma di tanto in tanto scappa e morde la prima cosa che vede. (S. King – Il miglio verde)

 

  1. La mente ha esattamente lo stesso potere delle mani: non solo di afferrare il mondo, ma di cambiarlo. (W. Wilson)

 

  1. Singolare strumento inserito all’estremità del braccio umano e di solito infilato nelle tasche altrui.” (A. Bierce)

 

  1. “Ero dotato, sono dotato. A volte mi guardo le mani e mi rendo conto che sarei potuto diventare un grande pianista o qualcosa del genere. Ma che cos’hanno fatto, le mie mani? Mi hanno grattato le palle, hanno scritto assegni, hanno allacciato le scarpe, hanno tirato la catena del water ecc. Ho sprecato le mani. E la testa.”  (C. Buckovsky)

 

  1. “Mani fredde, cuore caldo.” (detto popolare)

 

  1. “Se non sai che fare delle tue mani, trasformale in carezze.” (J. Salomè)

 

  1. In assenza di altre prove, il pollice da solo mi convincerebbe dell’esistenza di Dio. (Sir Isaac Newton)

 

  1. Possiamo sbarcare uomini sulla luna, ma, nonostante tutte le nostre magie meccaniche ed elettroniche, non possiamo riprodurre un dito artificiale che possa sentire oltre che muoversi. (John Napier)

 

  1. La mano è il filo conduttore della mente. (Jacob Bronowski)

 

  1. La fragranza rimane sempre nella mano che dà la rosa. (Heda Bejar)

 

  1. Tieni un vero amico con entrambe le mani. (Proverbio nigeriano)

 

  1. Possa la strada salire per incontrarti. Che il vento sia sempre alle tue spalle. Possa il sole splendere caldo sul tuo viso, le piogge cadono morbide sui tuoi campi e, finché ci incontreremo di nuovo, possa Dio tenerti nel palmo della sua mano. (Benedizione irlandese)

 

  1. Non rifiutare il bene da coloro a cui è dovuto, quando è in potere della tua mano farlo. (Proverbi 3:27)

 

  1. La mano impersonale del governo non può mai sostituire la mano di un vicino. (Hubert H. Humphrey)

 

  1. L’arto superiore è il parafulmine dell’anima. (Robert Markison)

 

  1. L’arte della vita è mostrare la tua mano. (E. V. Lucas)

 

  1. La mano migliore che tu possa mai ricevere è quella alla fine del tuo braccio. (Fred Dehner)

 

  1. I bambini sono le mani con le quali prendiamo possesso del paradiso. (Henry Ward Beecher)

 

  1. La mano di un bambino nella tua: quale tenerezza e potere suscita. Sei istantaneamente la pietra di paragone della saggezza e della forza. (Marjorie Holmes)

 

  1. I criminali non muoiono per mano della legge. Muoiono per mano di altri uomini. (George Bernard Shaw)

 

  1. Gli uomini ignoranti non sanno che cosa hanno in mano fino a quando non lo hanno gettato via. (Sofocle)

 

  1. Sforzarsi infinitamente di essere il migliore è il dovere dell’uomo, è la propria ricompensa. Tutto il resto è nelle mani di Dio. (Mahatma Gandhi)

 

  1. Per rendere felice un uomo, riempi le sue mani con il lavoro. (Frederick E. Crane)

 


Igienizziamo

Category : CURIOSITÀ

L’IGIENE DELLE MANI

Sulle nostre mani vivono microrganismi non patogeni, che non creano danni. A questi, però, possono aggiungersi virus e batteri che circolano nell’aria o con cui veniamo in contatto toccando le più diverse superfici. Ecco perché secondo il Center for Disease Control and Prevention(CDC) di Atlanta lavarsi le mani rappresenta il “la misura più importante per prevenire la diffusione delle infezioni”. In foto: la mano di un bambino di 8 anni, fotografata dalla mamma microbiologa, Tasha Sturm. Prima di fargli lavare le mani, gli ha chiesto di appoggiarle su uno strato di gel, che ha raccolto i microbi presenti, rivelando al microscopio… un intero mondo.

 

Come lavarsi le mani? Le mani – avverte sempre il CDC di Atlanta – vanno lavate spessissimo: prima di maneggiare alimenti, prima di mangiare, dopo aver toccato e nutrito un animale, dopo essersi soffiati il naso, dopo aver toccato la spazzatura… il modo migliore di farlo è in 5 passi.

  1. Bagnare le mani con acqua corrente pulita (calda o fredda), chiudere il rubinetto.
  2. Applicare il sapone e produrre schiuma, sfregandosi le mani e assicurandosi che la schiuma finisca sul dorso delle mani, tra le dita e sotto le unghie.
  3. Sfregarsi le mani per almeno 20 secondi. Avete bisogno di un timer? Canticchiate la canzone ‘Happy Birthday’ dall’inizio alla fine per due volte.
  4. Sciacquare bene le mani sotto l’acqua corrente pulita.
  5. Asciugare le mani con un asciugamano pulito o un asciugatore.

 

A proposito: il 15 ottobre si celebra nel mondo la giornata mondiale della pulizia delle mani.

 

Fatti e falsi miti sull’igiene delle mani

 

Vuoi diminuire il rischio di contrarre delle infezioni: lavati le mani!

Semplicemente lavarsi le mani può aiutarti a fermare i germi come i virus e i batteri. Altrimenti, i germi possono oltrepassare le barriere naturali del tuo corpo e causare infezioni.

 

Mito: è necessario utilizzare il sapone antibatterico per una pulizia efficace.

Qualsiasi buon sapone per le mani pulirà le mani, in maniera efficace, anche dai batteri. Un sapone antibatterico è considerato un prodotto detergente con agenti antimicrobici attivi.

Un sapone antibatterico è una buona scelta per i luoghi in cui i sistemi immunitari delle persone sono deboli. Luoghi come ospedali e strutture di cura.

Un sapone antibatterico può anche essere utile se la tua casa ha animali domestici.

 

Mito: il sapone antibatterico è più sano da usare.

La Federal Drug Administration e Centers for Disease Control and Prevention(CDC) hanno esaminato il problema. Non hanno trovato prove che l’uso di sapone antimicrobico sia più efficace del normale sapone.

Un altro vantaggio del sapone normale: è più economico.

 

Fatto: l’uso eccessivo di prodotti antibatterici può effettivamente finire per essere dannoso per te.

L’uso eccessivo di saponi antibatterici può ridurre la quantità di batteri “buoni” normalmente residenti sulla pelle. L’uso eccessivo può rendere gli agenti antibatterici dei saponi meno efficaci nel combattere nuovi ceppi di germi.

 

Mito: se si utilizza un sapone antibatterico, non è necessario lavarsi le mani più spesso.

Quando si utilizza un sapone antibatterico, non si devono cambiare né frequenza né modalità con cui ci si lava le mani

Quando ci si dovrebbe lavare le mani?

  • Dopo essere andati in bagno o aver cambiato i pannolini.
  • Dopo aver tossito, starnutito o essersi soffiati il naso.
  • Prima di mangiare, compresi i cibi pronti per il consumo.
  • Dopo aver toccato animali o i loro escrementi.
  • Dopo aver toccato piaghe, tagli o aree infette.
  • Dopo essersi sporcati le mani in maniera visibile con della terra o giocando / lavorando all’esterno.
  • Prima e dopo aver maneggiato carne cruda / pollame o frutta e verdura non lavate.
  • Prima di assumere farmaci.
  • Prima di mettere le lenti a contatto negli occhi.

Ecco come lavarsi efficacemente le mani per eliminare i germi:

  • Bagnare le mani con acqua pulita.
  • Applicare sapone.
  • Strofinare vigorosamente le mani
  • Strofinare le mani per 15-20 secondi (cantare la canzone “Happy Birthday” due volte).
  • Risciacquare con acqua pulita.
  • Asciugare le mani vivacemente.
  • Spegnere l’acqua con un asciugamano. Se possibile, non toccare la maniglia della porta mentre si esce da un bagno pubblico.

 

Fatto: i disinfettanti per le mani sono un’alternativa efficace al lavaggio con sapone.

I prodotti con almeno il 60% di alcol sono un’alternativa efficace quando non è possibile utilizzare sapone e acqua calda per lavarsi le mani. Entrambi i fluidi igienizzanti e le salviette hanno il vantaggio di essere portatili, quindi possono essere utilizzati ovunque ci si trovi.

Importante: i disinfettanti per le mani non eliminano tutti i tipi di germi. I disinfettanti non dovrebbero essere usati quando le mani sono unte o sporche.

Il CDC suggerisce di seguire questi passaggi per un corretto utilizzo di un disinfettante per le mani:

  • Applicare il disinfettante per le mani su un palmo delle mani seguendo le istruzioni riportate sull’etichetta del prodotto.
  • Strofinare le mani l’una contro l’altra.
  • Strofinare i prodotti su tutte le superfici delle mani e delle dita fino a quando non sono asciutti, incluso il dorso.

 

Fatto: questi sono i posti più frequentemente contaminati da germi e batteri.

  • Taglieri
  • Manopole del fornello
  • Contatori di cucina
  • Giocattoli per animali domestici
  • Maniglie del rubinetto
  • Serbatoi per caffè
  • Ciotole per animali domestici
  • Portaspazzolini
  • Lavandini da cucina
  • Spugne per piatti / strofinacci

 

 


Le dita della mano

Category : CURIOSITÀ

LE CINQUE DITA

 

Scrivere un sms, navigare in rete dal tablet, premere qualsiasi pulsante da quello dell’ascensore al campanello, cambiare canale della tv: la tecnologia ha reso le nostre dita indispensabili. Se infatti quelle del contadino servivano solo ad afferrare oggetti con forza, quelle dell’uomo di oggi devono sapersi muovere con precisione e indipendentemente le une dalle altre.

 

  1. Il pollice e l’evoluzione

Primo e più grosso dito della mano, è mosso da nove muscoli separati e controllati dai tre principali nervi della mano. Il pollice umano, a differenza di quanto accade nella quasi totalità del regno animale, è opponibile: ha cioè un maggior grado di libertà nei movimenti che gli consente di toccare frontalmente (cioè polpastrello contro polpastrello) le altre dita. Secondo gli antropologi è questa caratteristica che ha permesso all’uomo di evolversi: il pollice opponibile consente, infatti, di afferrare gli oggetti con molta più facilità. Ciò avrebbe garantito all’uomo maggiore possibilità di ingegnarsi nella creazione di manufatti e, quindi, di evolversi. Sono forse queste conclusioni ad aver ispirato diversi artisti che al pollice hanno dedicato un posto d’onore: nel 1965, in occasione di una mostra sul tema della mano, l’artista francese César realizzò il celebrePouce, una scultura di 1,85 metri raffigurante il suo pollice. Attualmente l’opera è esposta a Parigi, nel moderno quartiere della Défense.

Ecco sei cose che non esisterebbero se non ci fosse il pollice:

 

1 The Texas A&M “gig ‘em” hand signal
2 La guerra dei pollici
3 Fare l’autostop
4 Il segno “Mi piace” di Facebook
5 Le maniglie
6 I ciucci

 

 

Se si dovesse perdere un pollice, questo può essere ricostruito dai chirurghi della mano usando l’alluce o il secondo del dito del piede. Questa chirurgia specializzata utilizza tecniche di microchirurgia, il dito trasferito funzionerà quasi esattamente come un pollice normale. Altre tecniche ricostruttive prevedono l’utilizzo dell’indice che viene ruotato al posto del pollice ed accorciato di una falange per renderlo simile al pollice. Questo intervento, chiamato pollicizzazione dell’indice, dà ottimi risuktati sia in termini funzionali che estetici.

 

Il pollice è talmente importante che la sua perdita, secondo le Guide to the Evaluation of Permanent Impairmentdell’Associazione medica americana, comporta un danno del 40% in termini di riduzione di funzione della mano. Per ottenere lo stesso grado di invalidità si dovrebbe avere un’amputazione completa del medio, dell’anulare e del mignolo

 

  1. L’indice del sesso

È il dito più usato nella comunicazione, in quanto (come suggerisce il nome) impiegato per indicare ciò di cui stiamo parlando.

Il dito indice viene chiamato in vari modi: tra gli altri, dito dell’insegnante e dito della sensibilità, visto che in contrapposizione al pollice ci permette di apprezzare la consistenza dei materiali.

Il più sensibile dei cinque, l’indice è anche il dito della sessualità: uno studio condotto in California nel 2000 aveva dimostrato, infatti, che le persone omosessuali (uomini e donne) presentano una maggiore differenza di lunghezza tra questo dito e l’anulare rispetto alle persone eterosessuali. Il motivo non è chiaro, ma pare possa essere legato all’influenza di alcuni ormoni durante la fase embrionale. Sempre gli ormoni sono coinvolti nei risultati emersi da uno studio pubblicato alcuni anni fa dalBritish Journal of Cancer. Pare, secondo gli studiosi, che gli uomini con un indice più lungo dell’anulare hanno un rischio significativamente superiore di sviluppare il cancro alla prostata.

 

  1. Il medio è un insulto

Forse il dito più “celebrato”, il medio ha un alto valore simbolico: estenderlo da solo è quasi ovunque in Occidente un insulto di natura sessuale. Non a caso c’è chi ne ha fatto un’opera d’arte, come Maurizio Cattelan che a Milano ha realizzato la scultura L.O.V.E., collocata in piazza Affari davanti al palazzo della Borsa. Raffigurazione in grandi dimensioni di una mano in procinto di fare il gesto del dito medio, è stata interpretata come un gesto provocatorio verso la finanza. Il simbolo del dito medio è talmente potente da aver spinto l’Unicode consortium, ente internazionale che cura lo standard Unicode usato per le tastiere di computer e smartphone, a inserire tra i suoi simboli e icone anche quella di un dito medio.

Il dito medio è infine stato inserito tra le Emoji di Windows con tutte le sue varianti cromatiche a seconda della razza di appartenenza[5]

 

 

  1. Il dito più virile? L’anulare

È chiamato così perché è il dito sul quale nella tradizione cristiana si indossa l’anello nuziale (in quella ebraica è invece l’indice).

Il suo nome deriva dal latino anulus, cioè anello, quindi anche nell’antichità l’anello si portava al quarto dito della mano.
Gli Egizi pensavano che all’interno di quel dito passasse una vena che andava diretta al cuore; i Cristiani invece indicavano con il pollice, l’indice e il medio la trinità e arrivavano all’anulare dopo aver toccato quelle tre dita, ecco perché lì va la fede matrimoniale.

La scelta della mano sinistra è relativa al fatto che la mano destra si usava molto di più nei lavori di tutti i giorni, quindi la fede avrebbe dato fastidio e si sarebbe rovinata di più.

il penultimo dito della mano è un indice di virilità: ricercatori dell’Università di Cambridge (Regno Unito) hanno scoperto infatti che gli operatori di borsa con anulare lungo sono quelli che guadagnavano di più nel corso delle loro transazioni. Secondo gli studiosi questo potrebbe dipendere da livelli elevati di testosterone che li rendono maggiormente coraggiosi e assertivi di fronte ai loro interlocutori. Per la stessa ragione uomini e donne con anulari lunghi hanno una maggiore attitudine allo sport e alla resistenza fisicamentre i bambini con questa stessa caratteristica sono, secondo uno studio dell’Università di Bath (Regno Unito), più portati in matematica, materia in cui non a caso eccellono più frequente i maschi. Eppure delle cinque dita è il più debole: provate a muoverlo indipendentemente, sarà molto difficile. Il motivo? I muscoli che lo muovono sono condivisi con medio e mignolo.

Secondo alcuni ricercatori coreani il rapporto tra anulare e indice sarebbe addirittura correlato alla lunghezza del pene (il cui sviluppo, chiaramente, dipende anche dalla quantità di ormoni maschili): anulari lunghi, membri lunghi.

Altri ricercatori canadesi hanno invece osservato il comportamento di alcuni uomini quando avevano a che fare con persone del sesso opposto oppure del proprio E poi hanno loro misurato il secondo e il quarto dito. Risultato: chi sorrideva di più, ascoltava più a lungo ed era amichevole durante la conversazione con una donna aveva anche la digit ratiopiù bassa (cioè l’anulare piuttosto lungo). Gli uomini con un rapporto più alto (indice e anulare che si avvicinano per lunghezza) erano invece in media più litigiosi, sia con gli uomini sia con le donne. Al contrario, gli anulari lunghi tendevano a essere aggressivi con gli uomini ma gentili con le donne.

 

 

  1. Il mignolo, il dito degli smartphone

Fate questa prova: prendete in mano il vostro smartphonee scrivete un messaggio. Osservate la vostra mano: sicuramente il dito mignolo sarà leggermente piegato verso di voi così da sostenere l’apparecchio. Provate ora a toglierlo da quella posizione: noterete che la digitazione sarà più lenta e avrete la sensazione che il telefono vi possa scivolare di mano.Nonostante tra tutte le dita il mignolo sembri il meno importante, è proprio l’avvento degli smartphonead averlo reso protagonista. Se la maggior parte degli studi antropologici sulla mano si è concentrata sul pollice, indispensabile a maneggiare gli oggetti, anche il mignolo è necessario soprattutto quando si tratta di afferrare piccoli oggetti con precisione. Lo era per i nostri progenitori e lo è oggi: “Tenere in mano uno smartphone”, spiega Alastair J. M. Key, paleontologo alla Kent University (Regno Unito), “non è molto diverso da maneggiare una piccola pietra”.

 

LO SVILUPPO DELLA PRESA NEL BAMBINO

 

Il bambino nasce con il riflesso innato di presa grasping1, afferra cioè qualsiasi cosa venga appoggiata sul palmo della mano. Il riflesso di prensione palmare appartiene al campo dei riflessi neonatali, ed è uno dei tre riflessi prensili2. Si tratta di una contrazione istintiva dei muscoli flessori. La presa è determinata dalla risposta alla stimolazione della superficie palmare attraverso la flessione delle dita con chiusura a pugno. Questa è talmente forte che, se sollevato, il neonato può sostenere addirittura il proprio peso. Si pensa che questo riflesso sia preparatorio alla prensione volontaria, ma per sviluppare la manipolazione è necessario che esso scompaia (ciò avviene intorno ai 2 mesi, anche se è stato dimostrato che è l’ultimo dei riflessi del neonato a scomparire, quasi ad un anno di vita3.).

A questo punto il gesto della prensione attraversa un’evoluzione progressiva: l’oggetto inizialmente viene afferrato con un approccio tipo rastrello, tra il mignolo e il bordo esteriore della mano e senza l’utilizzo del pollice (prensione cubito-palmare, 3/6 mesi); lentamente il bambino comincia ad usare anche l’anulare e il medio con il palmo, attraverso un approccio parabolico all’oggetto, reso possibile anche dal maggiore controllo visivo (prensione radio-palmare, 8 mesi); infine, tramite un approccio diretto, l’oggetto viene afferrato prima con la pinza inferiore cioè con il pollice ancora esteso, e successivamente

dall’opposizione tra il pollice che si flette e l’indice (prensione radio-digitale o pinza superiore, 10/13 mesi)4. Ad un anno e mezzo il bambino arriva alla prensione vera e propria, attraverso il movimento dell’articolazione spalla-gomito- polso riesce ad afferrare un oggetto che attira la sua attenzione.

Dopo il primo anno di vita il bambino acquisisce abilità che richiedono sempre maggiore accuratezza e precisione di movimento: gli oggetti vengono manipolati, esplorati, trasferiti da una mano all’altra. D’ora in poi, tramite il gioco, la prensione si arricchirà diventando sempre più precisa e coordinata. Progressivamente si sviluppano anche le aree percettive: vista, udito, tatto. La prensione radio-digitale o pinza superiore, caratterizzata dall’opposizione pollice- indice e dall’indipendenza rispetto alle altre dita, non è solo frutto dell’attività motoria ma dell’integrazione tra motricità e percezioni propriocettive, cinestesiche e visive. Il bambino cioè diventa poco a poco consapevole delle azioni del proprio corpo e dello spazio in cui agisce5. L’esperienza ha un ruolo fondamentale nello sviluppo della coordinazione oculo-motoria tipica dell’azione di afferramento e manipolazione di oggetti.

Nel secondo anno di vita inizia la prima attività simbolica del bambino e si manifestano le prime prassie di imitazione, attraverso la comprensione dell’uso funzionale degli oggetti e la capacità di stabilire relazioni tra loro, di mettere in atto sequenze di azioni e comprenderne il significato. Le abilità manipolatorie si affinano divenendo sempre più fluide ed efficaci fino a giungere alla differenziazione del ruolo delle due mani nel terzo anno di vita. Anche i movimenti intrinseci delle dita nell’esplorazione ed uso di oggetti acquisiscono gradualmente le sinergie tipiche dell’adulto6grazie alle quali le azioni in sequenza tra loro permettono di risolvere compiti sempre più complessi (es. ruotare, avvitare e svitare).

In età prescolare le abilità manipolatorie e prassiche assumono progressivamente un ruolo determinante nell’acquisizione dell’autonomia nella vita quotidiana e nelle attività di tipo grafico ed espressivo, diventando uno strumento essenziale nella vita sociale e di relazione7.

 

 

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

  1. Nell’attività volontaria di prensione e manipolazione di oggetti, devono essere distinti due sistemi che funzionano in parallelo: il primo che regola la sequenza di approccio e avvicinamento del braccio e della mano all’oggetto reaching, il secondo che coordina e modula i movimenti della mano e delle dita in relazione alle caratteristiche dell’oggetto (grasping). Crf Jeannerod M. (1994) in Development of reaching e grasping In: Motor development in children. Fedrizzi, G.Avanzini, P. Crenna. Ed J. Libbey & Company
  2. Van Boxtel MP, Bosma H, Jolles J, Vreeling FW. 2006. In Prevalence of primitive reflexes and the relationship with cognitive change in healthy adults: a report from the Maastricht Aging Study. J Neurol. 253: 935-941.
  3. Olhweiler L, da Silva AR, Rotta NT. 2005. Primitive reflex in premature healthy newborns during the first year. Arq Neuropsiquiatr. 63: 294-297.
  4. Cfr Halverson H.M. (1943) The development of prehension in infants. NY, McGraw-Hill Book C. – C. Kouprnik, R Dailly, Lo sviluppo neuropsicologico nella prima infanzia, Piccin Ed. Padova, 1981
  5. Piaget J. La prise de conscience. Paris (1974) P.U.F.
  6. Elliot J.M., Connolly K.J. A classification of manipulative hand movements. Dev. Med. Child Neurol, 1984
  7. Fedrizzi, I disordini dello sviluppo motorio. Piccin ed. Padova, 2004


Il tatto e come funziona

Category : CURIOSITÀ

COME FUNZIONA IL TATTO

 

Le mani, ma più in generale la pelle, ci aiutano a “leggere” il mondo che ci circonda e ad orientarci in esso. Vediamo come funziona il tatto.

Il tatto è il senso che ci permette di riconoscere le caratteristiche, come forma e durezza, degli oggetti che entrano in contatto con il nostro corpo.

 

La mano è uno degli strumenti più complessi del copro umano: è formata dal polso, dal metacarpo(le ossa che stanno sopra il palmo) e dalle cinque dita, che coni polpastrelli (l’ultima parte delle dita, sotto le unghie) sono la parte più predisposta al senso tattile. Oltre a questi ci sonoaltre zone sensibili, come le labbra e la pianta dei piedi.

In generale è proprio la pelle che, nella sua parte più superficiale (detta epidermide), contiene speciali fibre nervose, dette recettori, fatte per reagire alle variazioni di pressione. Oltre ai movimenti, la pelle è lo strumento con cui percepiamo anche gli stimoli termici(caldo o freddo) e il dolore.

 

Sotto l’epidermide si trova un altro strato di pelle, il derma, dove attraverso le fibre nervose sensitivei segnali esterni vengono trasmessi ai nervi del midollo spinale, dove vengono decodificati.

Qui hanno un ruolo cruciale i gangli sensitivi, cioè masse di cellule con un prolungamento nervoso che entra nel midollo spinale, da dove le informazioni tattili vengono trasferite rapidamente, attraverso tappe successive, fino alla corteccia cerebrale sensitiva del cervello

 

È per questo cheil nostro corpo riesce a reagire bene e in fretta a uno stimolo tattile. Ad esempio, quando proviamo a prendere un pentolino che scotta, ci tiriamo istintivamente indietro:in quel momento il cervello si mette in comunicazione istantanea con il dito ed è come se gli dicesse: «occhio che così ti scotti!». Quanto più è intensa la sensazione, tanto più è forte lo stimolo.

Anche all’interno della mano ci sono zone con più recettori e dove quindi la sensibilità è maggiore, come ad esempio il palmo.

E la sensibilità aumenta se siamo noi a muovercie non a subire il contatto di qualche corpo esterno. Il tatto non ha dunque una funzione passiva, come si potrebbe credere, ma è inserito in quella parte del sistema nervoso che controlla le contrazioni muscolari e i movimenti.

Tra i nostri cinque sensi il tatto è quello che più degli altri misura la nostra relazione con il mondo circostante: per questo c’è quel modo di dire, «ci vuole tatto», che indica la necessaria delicatezza nell’agire e nel trattare con gli altri.

 


Leggende metropolitane

Category : CURIOSITÀ

LEGGENDE METROPOLITANE

 

  1. “Se riesci a muovere il dito, non è rotto” Falso.
  2. “Mani fredde, cuore caldo” Beh, dipende davvero dal perché le mani sono fredde …
  3. “L’uso del computer causa la sindrome del tunnel carpale” falso.
  4. “Mangiando la gelatina le tue unghie diventano più forti” Falso: nessuna prova a sostegno di ciò.
  5. “Scocchiarsi le nocche fa venire l’artrosi” Falso – nessuna prova per sostenere questo
  6. Le unghie smettono di crescere dopo la morte. Questo mito deriva dal fatto che i corpi morti si restringono e la pelle si ritira, dando l’impressione che le unghie continuino a crescere.

 


Lo sapevate che…

Category : CURIOSITÀ

LO SAPEVATE CHE…

 

  1. Contrariamente all’opinione popolare, gli umani – l’homo sapiens – non sono gli unici primati che posseggono pollici opponibili, anche le scimmie, i lemuri del Madagascar e i tarsi, piccoli primati arboricoli dagli enormi occhi che vivono nelle Filippinepossono opporre il pollice all’indice. Ciò che rende la mano umana unica nel regno animale è la capacità del mignolo e dell’anulare di ruotare attraverso il palmo per incontrare il pollice, grazie alla flessibilità unica delle articolazioni carpometacarpali di queste dita, nel mezzo del palmo. Si parla di “opposizione ulnare” e aggiunge alla mano umana un’impareggiabile presa e capacità di afferrare gli oggetti. Questa caratteristica si è sviluppata dopo il tempo di Lucy, un antenato umano diretto, vissuto circa 3,2 milioni di anni fa.

 

  1. Le unghie della mano crescono da 1,8 a 4,2 mm al mese: un po’ più di giorno e d’estate, meno di notte e d’inverno. Nella mano destra la crescita è più veloce perché la maggiore attività dei muscoli fa affluire più sangue. Nei mancini è il contrario.

 

  1. La mano è un frequente strumento di misura. Può misurare una quantità (una “mano” di farina) o una distanza (il pollice). La mano serve inoltre a contare, ed il sistema decimale deriva probabilmente dal numero di dita delle due mani.

Un’altra unità di misura definita dalla mano è il “miro” (in dialetto casalbuonese “u’ mir”) che è determinata dalla distanza tra la punta del pollice e dell’indice a mano aperta in massima estensione . Il “miro” era sovente utilizzato dai ragazzi nel dopo guerra nei giochi per strada[1].

[1](fonte, PasNov2013).

Unità di misura basate sulla mano:

  1. spanna (distanza tra le punte di mignolo e pollice di una mano aperta, circa 20 cm);
  2. palmo (larghezza della mano, 8-10 cm);
  3. pollice (dalla punta alla prima falange, 2,54 cm).

 

 

  1. LaCueva de las Manos è una caverna della Patagonia argentina: l’interno è costellato da 729 misteriose impronte di mani di adolescenti, quasi tutte sinistre, che risalgono a più di diecimila anni fa.

 

 

  1. La sindrome della mano aliena è un disturbo neurologico in cui una mano agisce in modo incontrollabile. L’inglese Karen Byrne, che ne ha sofferto dopo un intervento per curare l’epilessia, era diventata soggetta a crisi di autolesionismo durante le quali si schiaffeggiava da sola.

 

 

 

  1. Antonio Alfonsecae Frank Tolbertsono due sportivi famosi non tanto per la loro bravura (giocano rispettivamente nella Major League di baseball e nell’NBA), ma perché hanno entrambi sei dita per mano. Chissà che prese!

 

 

 

 

  1. A Monza, nel 2013 è stato effettuato il primo impianto di  mano bionica al mondo: in carbonio e titanio, con una pelle in silicone, si controlla con il pensiero proprio come un arto vero[2]. L’esperienza, però, non dev’essere stata delle più felici, se alla fine di dicembre il paziente ha restituito la sua protesi all’ospedale, con tanti ringraziamenti[3].

[1]MB NEWS – 20 Novembre 2013

La prima mano bionica su un uomo. Succede a Monza, dove Marco Lanzetta, luminare della chirurgia della mano e professore presso l’Istituto Italiano di Chirurgia della Mano a Monza, ha trapiantato su un paziente una estremità artificiale in sostituzione di quella ricevuta da donatore umano nel 2000 che lo scorso giugno, dopo una grave crisi di rigetto, fu necessario rimuovere.

Il paziente, Valter Visigalli, 48 anni, è stato il primo uomo ad aver beneficiato di un trapianto di mano monolaterale e il primo ad avere una mano “bionica”. Straordinari i tempi di recupero, l’uomo in poco più di due settimane è già in grado di guidare, scrivere e lanciare una palla.

“Abbiamo sostituito il trapianto da donatore umano – ha spiegato Lanzetta – con quello da ‘donatore tecnologico’. L’utilizzo di questa protesi di mano bionica apre importantissimi scenari per le persone che subiscono amputazioni di arti, e che potrebbe far diventare il trapianto di mano, se fatto in giovane età, una misura temporanea, nel caso vi siano effetti collaterali d rigetto o cali di funzione, come avvenuto per Valter. Questo perché in questi anni ha acquisito una rappresentazione cerebrale della mano e la sua muscolatura del braccio è stata allenata e sollecitata”.

La protesi, realizzata da un’azienda con sede a San Marino, è internamente in titanio e carbonio, ed esternamente in silicone.

 

[1]MB NEWS – 20 Dicembre 2013

Sembrava una storia a lieto fine. Invece questo Natale, per Valter Visigalli, 48 anni, primo uomo a beneficiare di una “mano bionica”, trapiantata lo scorso giugno da Marco Lanzetta, a Monza, presso l’Istituto italiano di chirurgia della mano, sarà un Natale da incubo. L’uomo, infatti, ha deciso di rinunciare all’arto di carbonio e titanio con rivestimento in silicone e lo ha restituito al chirurgo da cui è in cura da oltre 15 anni.

La notizia sta facendo rapidamente il giro del mondo. Visigalli, attraverso le parole della moglie, denuncia gravi problemi con l’arto, problemi che all’atto pratico impediscono di condurre una vita normale.

Visigalli, che a 13 anni perse la mano a seguito di un incidente, fu il primo trapiantato italiano, operato all’ospedale San Gerardo di Monza, da Lanzetta. Dopo 13 anni quella stessa mano gli è stata amputata perché il suo corpo la stava rigettando. Lo scorso giugno la buona nuova: l’arto bionico in sostituzione di quello umano, che apriva importanti scenari anche grazie ai primi positivi riscontri: tempi di recupero straordinari, l’uomo in poco più di due settimane era già in grado di guidare, scrivere e lanciare una palla.

Oggi, al contrario, il triste epilogo. Lanzetta pare sorpreso e deluso dalla decisione dell’uomo e della moglie e ha ipotizzato ad alcune agenzie motivazioni familiari e non sanitarie alla base della scelta di Visigalli.

 

 

  1. Alcune scritture geroglifiche come quella egizia, maya o azteca utilizzano spesso la mano per simboleggiare l’azione. L’etimografia della lingua cinese, svolta soprattutto con lo studio dei caratteri su bronzo, mostra come la mano sia spesso parte di ideogrammi, ad esempio per le parole “finestra” o “pennello/pittura”.

 

  1. La mano invisibile del mercatoè un concetto economico sviluppato dall’economista liberale inglese Adam Smith, secondo cui tutto si svolgerebbe come se una “mano invisibile” mettesse a posto le cose affinché la somma degli interessi particolari risulti in un interesse generale.

 

  1. Come mai abbiamo cinque dita e non sei o sette? Frutto dell’evoluzione, sicuramente, ma un gruppo di studiosi canadesi ha provato recentemente a dare una risposta più esauriente e completa.

Gli scienziati hanno scoperto che la transizione che ha portato alle cinque dita non è dovuta all’acquisizione di nuovi geni, ma alla diversa attivazione degli stessi: durante lo sviluppo embrionale dei topi (e dell’uomo) i geni connessi alla formazione delle dita codificano in due domini separati, mentre nei pesci le loro aree di competenza si sovrappongono.
Introducendo nei topi lo stesso tipo di regolazione che si osserva nei pesci, i roditori sviluppano sette dita per ogni zampa, una sorta di ritorno alle condizioni ancestrali dei vertebrati.

 

  1. Il palmo della mano non si abbronza anche se esposto al sole. Questo avviene per due fattori: il primo è la scarsità di melanociti, cellule che producono la melanina e che si trovano nella zona sottocutanea detta “strato malpidiano”. Il secondo fattore è lo spessore dello strato corneo, cioè della pelle superficiale: il palmo della mano e la pianta dei piedi hanno uno strato epidermico di consistenza maggiore di quello di altre parti del corpo. Duro e resistente, tale strato impedisce la melanogenesi, cioè il passaggio dei granuli di melanina che i melanociti normalmente inviano allo strato corneo superficiale. Un’avvertenza: la presenza, per la verità rara, di nei sul palmo della mano e sulla pianta del piede è un fatto anomalo che va controllato.

 

  1. Le impronte digitali sono un’impronta del DNA completamente unica che è diversa in ogni singolo essere umano. Non esistono due esseri umani al mondo che abbiano impronte digitali uguali.

 

  1. La lunghezza media della mano per le donne adulte è di 6,7 pollici. La lunghezza media per gli uomini è di 7,4 pollici

 

  1. Le unghie possono essere considerate delle “spie” dello stato di salute di un individuo: dal loro aspetto si possono infatti evidenziare carenze di minerali o vitamine, problemi al fegato, alla tiroide o stati di anemia. Alcuni segni rivelatori, a carico delel unghie, di uno stato di carenza sono fragilità, pallore o presenza di macchie

 

  1. Dal colore delle unghie e da quello della lunula, è possibile stimare il grado di ossigenazine del sangue

 

  1. Le unghie smettono di crescere dopo la morte. Questo mito deriva dal fatto che i corpi morti si restringono e la pelle si ritira, dando l’impressione che le unghie continuino a crescere.

 

  1. Strutturalmente, le unghie sono in realtà peli modificati

 

  1. Durante le guerre galliche, Giulio Cesare ordinò che i pollici dei prigionieri catturati venissero amputati, così che quando fossero tornati nel loro paese, fossero stati di esempio e non fossero più stati in grado di portare le armi. Questa pratica fu in seguito utilizzata in numerose guerre e nel commercio degli schiavi.

 

  1. Il 6% di tutti gli uomini e il 9,9% di tutte le donne sono mancini

 

  1. Ci vogliono fino a 6 mesi perché un’unghia cresca dalla radice fino alla punta

 

  1. Una recente ricerca della National Library of Medicine per la parola “mano” ha richiamato 145.978 articoli scientifici.

 

  1. Una ricerca recente di internet per la parola “mano” attraverso il motore di ricerca com ha richiamato 2.039.0195 pagine Web.

 

  1. Un terzo di tutte le lesioni acute che giungono in pronto soccorso coinvolgono gli arti superiori.

 

  1. Due terzi delle lesioni degli arti superiori si verificano in persone ancora professionalmente attive.

 

  1. Le lesioni da lavoro invalidanti più comuni negli Stati Uniti riguardano gli arti superiori, che rappresentano oltre un quarto di tutte le ferite da lavoro invalidanti. Un infortunio sul lavoro su sei che crea una disabilità coinvolge le dita

 

  1. Un quarto delle lesioni sportive coinvolge la mano e/o il polso.

 

  1. I bambini al di sotto dei sei anni sono maggiormente a rischio di lesioni da schiacciamento o ustioni alle mani.

 

  1. Quando lasciamo le nostre mani immerse per lungo tempo in acqua i polpastrelli e la pelle del palmo si raggrinzisce. Perché? Il meccanismo esatto non è noto, ma è chiaramente controllato dai nervi. Quando viene tagliato un nervo che fornisce la sensibilità ad un’area specifica sul palmo, quell’area non solo diventa insensibile, ma perde anche la sua capacità di raggrinzirsi quando è bagnata.

Inoltre perde la capacità di sudare.

 

  1. Le pieghe situate sulla parte dorsale delle nocche delle dita della mano indicano le aree in cui la pelle è attaccata al tendine sottostante. Se un dito, per un motivo qualsiasi, perde la possibilità di muoversi, le pieghe scompaiono.

 

 

  1. Un sesto delle anomalie congenite registrate sulle statistiche di nascita coinvolgono le estremità superiori.

 

 

  1. I bambini bianchi hanno quattro volte più probabilità dei bambini neri di nascere con le dita palmate (Sindattilia).

 

  1. La razza nera presenta un rischio dieci volte superiore a presentare un quadro di plidattilia congenita

 

  1. I muscoli che fanno muovere le dita sono molto forti, abbastanza forti da far sì che alcune persone possano arrampicarsi su superfici verticali sostenendo l’intero solo con un dito. I muscoli che permettono questo sono più forti di quanto si possa immaginare, infatti la biomeccanica della mano richiede che la forza generata dai muscoli che piegano la punta delle dita debba essere almeno quattro volte la pressione che viene prodotta sulla punta delle dita.

 

  1. Quasi il 90% delle donne e l’80% degli uomini nella fascia di età 75-79 anni hanno evidenze alla radiografia di artosi alle mani

 

  1. Le unghie non sono sensibili, ma l’unghia si estende in profondità sotto e dietro la pelle della cuticola, dove sono presenti delle termionazioni nervose sensitive che sono in grado di trasmettere le sensazioni fino alla punta dell’unghia. Il cervello integra le sensazioni dei nervi sia del polpastrello che della cuticola per dare una percezione complessa della pressione e del taglio alla punta delle dita. La perdita di un’unghia cambia anche la sensibilità del polpastrello.

 

  1. Termometro da carne

Questo è un trucco utile per grigliare. L’eminenza tenare è un “rigonfiamento” alla base del pollice in corrispondenza del muscolo opponente: non ci sono superpoteri immagazzinati in questa parte della mano, ma può essere usata per indicare la cottura di una bistecca! Non è necessario comprare il termometro per la carne: Ecco come capire, con le proprie mani, se la bistecca è cotta come la si vuole:

Premere con l’indice destro l’eminenza tenare della mano sinistra: questa è la consistenza della bistecca cruda. Se si tocca l’eminenza tenare mentre si preme il polpastrello dell’indice contro quello del pollice, si percepisce la consistenza di una bistecca al sangue; facendo la stessa cosa premendo pollice e medio si avrà la consistenza della bistecca media al sangue, usando l’anulare sarà di consistenza media, se infine si tocca l’eminenza tenare mentre si stringono i polpastrelli di pollice e mignolo avremo la consistenza di una bistecca ben cotta.

 

  1. Attualmente, circa il 10% della popolazione della terra è mancina: il 12,6% degli uomini e il 9,9% delle donne.

Attraverso la ricerca e lo studio di reperti fossili del passato, gli scienziati sono stati in grado di determinare questo rapporto non si è mai modificato nel corso della storia: infatti la scoperta di ossa, denti e vari strumenti sono stati in grado di rivelare che i Neanderthal destrorsi erano di gran lunga più numerosi dei mancini, proprio come la nostra popolazione moderna.

 

  1. Perche scrocchiano le dita?

Siamo abituati a pensare che la scienza si occupi solo di problemi molto seri, come i confini dell’Universo o della mente, ma ci sono migliaia di questioni altrettanto rilevanti dibattute nei centri di ricerca, spesso senza trovare una soluzione. Una di queste era la risposta alla fondamentale domanda: perché le dita della mano scrocchiano quando le tiriamo?

Il problema non è semplice. Se ne parla da 77 anni, da quando un medico tedesco, il professor Nordheim, studiò per primo il fenomeno con la modesta tecnologia disponibile nel 1938. Le sue conclusioni furono contestate da una ricerca del St. Thomas Hospital di Londra nel 1947, a sua volta smentita nel 1971 da un’indagine dell’Università di Leeds. Ma ora, grazie a un esperimento condotto con la risonanza magnetica dall’Università di Alberta a Edmonton, in Canada, sappiamo finalmente perché le dita scrocchiano.

La ricerca, pubblicata su «Plos One», è stata condotta da Greg Kawchuck, un medico ossessionato dal problema. Ne aveva parlato con un amico chiropratico, Jerome Fryer, un fanatico dello scrocchiamento, che ha prestato le sue dita alla scienza per sottoporle a un tiraggio artificiale nello scanner della risonanza magnetica. Ora sappiamo con certezza che l’Università di Leeds aveva torto, e che il St. Thomas Hospital si era invece avvicinato alla verità.

Quello che avviene nelle giunture ha più a che fare con le leggi della fisica dei liquidi, con le bibite gasate e con il lavaggio dei piatti di vetro che con la medicina. Nelle nocche della mano le ossa sono unite da muscoli e tendini. Le giunture sono ricoperte da una cartilagine e lubrificate dal liquido sinoviale, una sostanza composta da acqua, acido ialuronico, glicoproteine e ioni. Al St. Thomas Hospital, applicando una trazione di sette chili a un dito, si era notato già nel 1947che la giuntura nella nocca si discostava di circa mezzo centimetro, creando una depressione nel liquido sinoviale che favoriva la formazione di bolle.

A Leeds si era pensato che fosse l’esplosione di queste bolle a causare il rumore delle dita scrocchiate, ma non è così. Le dita di Fryer, tirate da un artigianale dispositivo di trazione, hanno dimostrato che è la formazione stessa delle bolle a causare il rumore, esattamente come avviene quando, aprendo una bibita, la pressione diminuisce, causando il tipico gorgoglio. Le bolle nel liquido sinoviale sono formate da idrogeno e ossigeno che si combinano e tornano al loro stato precedente dopo che il dito è stato scrocchiato. Questo dà una risposta a un’altra domanda: perché non si può fare scrocchiare lo stesso dito due volte di seguito. Bisogna aspettare che l’idrogeno e l’ossigeno tornino a mescolarsi nel liquido sinoviale per poter formare nuove bolle.

La scoperta può essere illustrata pensando a un noto fenomeno della fisica, la tribonucleazione dei piatti di vetro nel lavello. Chiunque avrà notato che due superfici di vetro bagnato creano una tensione e che per staccarle è necessario esercitare una forza che crea una rumorosa bolla nel sottile strato d’acqua che le unisce. Lo stesso avviene, in pratica, nelle nocche sottoposte a una trazione: all’inizio fanno resistenza, poi si sbloccano improvvisamente.

Ma la ricerca non è finita. Resta da scoprire per quale ragione le dita scrocchiano in alcuni individui e in altri no: in Canada già si cercano altri volontari.[4]

 

 

  1. L’uomo che ha la mano più grande del mondo è Lui Hua, della Cina. Il suo dito indice misura 30 cm e il suo pollice sinistro 25 cm. Ha una condizione patologica nota come “macrodattilia” – in altre parole, grandi dita. È stato operato e sono stati rimossi 11 chili di carne e ossa.

 

 

  1. Solo un muscolo

Quando si pensa ai movimenti di cui sono capaci le dita di una mano, è difficile credere che ogni dito abbia un solo muscolo, ma è vero. Si chiama “muscolo erettore del pelo” ed è il rrsponsabile della piloerezione dei peli che sono presenti sul dorso delle falangi delle mani

 

  1. Esperti di matematica. Gli studi dimostrano che i bambini con dita lunghe sono più bravi in ​​matematica.

 

  1. Due dita un muscolo. Piegare il dito medio verso il palmo e appoggiare la mano su un tavolo. Quindi sollevare il pollice, l’indice e il mignolo. Nessun problema, giusto? Adesso si provi ad estender l’anulare. Non si muove, vero? Questo avviene perché condivide un muscolo con mignolo e il medio, e non può funzionare in modo indipendente.

 

  1. La crescita delle unghie!Le unghie della mano crescono circa quattro volte più velocemente delle unghie dei piedi. Le unghie a crescita più lenta sono quelle che si trovano sulle dita più corte. L’unghia sul medio è quella con la ricrescita più veloce. L’unghia di un dito del piede impiega 6 mesi a crescere dalla base sino alla punta

 

  1. Dalla mano alla bocca. Le impronte digitali sono uniche, ma le probabilità che un essere umano abbia la stessa impronta di lingua di un altro, sono circa una su un milione. È interessante notare che ci sono anche una manciata di persone in tutto il mondo che non hanno alcuna impronta digitale. Nessuno sa perché questo accada.

 

 

 

 

  1. Le persone con più numero di dita. Due persone detengono il record per il maggior numero di dita nel mondo, sono Pranamya Menaria e Devendra Harne, entrambi nati in India. Menaria e Harne, che sono nati rispettivamente nel 2005 e nel 1995, hanno 25 dita ciascuno: 12 dita delle mani e 13 dita dei piedi.

 

 

 

 

 

 

 

 


Modi di dire

Category : CURIOSITÀ

MODI DI DIRE

  1. Fare man bassa significa portare via tutto: negli antichi eserciti, infatti, “mani a basso!” era il grido che dava il segnale del saccheggio.
  2. Una cosa “di bassa mano”, invece, è un oggetto di qualità scadente.
  3. Chi trionfa senza difficoltà vince “a mani basse”, ossia come il fantino che non deve neppure alzare il braccio per frustare il cavallo
  4. Tra i nostri cinque sensi il tatto è quello che più degli altri misura la nostra relazione con il mondo circostante: per questo c’è quel modo di dire, “ci vuole tatto”, che indica la necessaria delicatezza nell’agire e nel trattare con gli altri.
  5. Piegando le dita e il pollice per formare una cavità nel palmo, creiamo una figura nota come “il bicchiere di Diogene”: si chiama così perché pare che il filosofo greco usasse la mano per bere.
  6. A cento mani:

Facendo ricorso a tutti i poteri o le possibilità, le risorse o simili di cui si dispone; con tutta la propria volontà.

Altro sign.: Con il concorso di molte persone, detto di un lavoro, di un’iniziativa e così via. Usato anche per un’opera o altro la cui scarsa uniformità denuncia l’eccessivo numero d’interventi

  1. A man salva:

Senza limiti di quantità; anche senza timore di sanzioni. Riferito alla possibilità di arraffare il più possibile, in genere rubando o comunque in modi non del tutto leciti o regolari. Un tempo la locuzione indicava una concessione dei re agli esattori dei tributi o agli amministratori della giustizia considerati rappresentanti della sua mano, cioè del suo potere.

  1. A mani nude

Senza usare armi, riferito in particolare a chi uccide o combatte servendosi esclusivamente delle mani.

Altro sign.: Senza l’aiuto di utensili, riferito a chi compie un’operazione che sarebbe facilitata dall’uso di attrezzi; anche con le mani prive di protezione.

  1. A mano armata

Con l’uso delle armi. Detto quasi esclusivamente di una rapina, di un’aggressione e simili.

  1. A piene mani

In grande quantità, come riempiendosi completamente le mani di qualcosa

  1. A portata di mano

Facilmente raggiungibile, tanto vicino che sarebbe sufficiente allungare una mano per arrivarci. Vale per cose, persone e situazioni.

  1. A quattro mani

In musica, esecuzione di due pianisti sullo stesso strumento. In senso lato, lavoro o altro svolto da due persone in collaborazione.

  1. Alla mano

Pronto da esibire, da estrarre, da prendere in mano. Usato in genere per denaro e documenti.

Altro sign.: Riferito a una persona, semplice, cordiale, facile da avvicinare.

  1. Allungare le mani

Fig.: rubacchiare, sottrarre oggetti di poco conto. In senso lato, toccare qualcosa senza il permesso di farlo. L’immagine è presa dal gesto di chi opera furti di destrezza, riuscendo ad allungare le mani fino ai beni altrui senza che il derubato se ne accorga.

Altro sign. fig.: imporre a una persona, in genere una donna, effusioni spinte non autorizzate.

Var.: allungare le zampe

Altro sign.: Più raramente, percuotere qualcuno.

Var.: alzare le mani

  1. Alzare le mani

Fig.: riconoscere la propria impotenza; dichiarare la propria resa. È evidente che chi tiene le mani in alto non ha nessuna possibilità di usare qualche arma.

Var.: alzare le braccia

Altro sign.: Percuotere qualcuno, alzando quindi le mani contro di lui.

  1. Alzare le mani al cielo

Fig.: manifestare esasperazione, deprecazione o simili, come se si chiedesse l’intervento divino o la grazia della sua assistenza per rimediare a una situazione o per non perdere il controllo di sé. Anche scherzoso o enfatico.

  1. Aver le mani d’oro

Sapere fare bene molte cose, o anche solo una ma con risultati eccezionali, riferito in genere a esecuzioni manuali e in particolare a lavori di cucito, ricamo e simili.

  1. Avere in mano

Possedere qualcosa, disporne, potersene servire; detto di beni, informazioni e simili. Riferito a una persona, averla in proprio potere ed essere in condizione d’imporle la propria volontà; di una situazione, dominarla saldamente, non perderne il controllo.

  1. Avere la mano felice

Avere un colpo di fortuna, come per aver saputo scegliere il biglietto vincente di una lotteria; vincere abitualmente al gioco; riuscire particolarmente bene negli affari che s’intraprendono.

  1. Avere la mano leggera

Trattare qualcosa o qualcuno con delicatezza, gentilezza o diplomazia, usando le belle maniere. Anche essere indulgenti, clementi, nel punire, nel giudicare e simili.

  1. Avere la mano pesante

Letteralmente, percuotere con violenza, facendo più male di quanto si pensi. In senso figurato, essere rigorosissimi, duri; punire, condannare, giudicare o rimproverare con estrema severità; trattare qualcuno rudemente senza motivo adeguato, ricorrendo alle maniere forti e a volte anche all’intimidazione, alle minacce, fino al ricatto. In senso lato, esagerare, eccedere, non avere il senso della misura; inoltre, anche mancare di finezza.

  1. Avere le mani bucate

Spendere molto, scialacquare denaro generalmente in spese inutili o esagerate, come se si avessero le mani piene di buchi che pertanto non riescono a trattenere il denaro.

  1. Avere le mani in pasta

Essere addentro a qualcosa, in particolare a una questione d’affari, o essere legati a una situazione di potere e simili.

Allude al procedimento casalingo con cui si fa la pasta alimentare, che prevede di tuffare le mani nell’impasto di farina e acqua, latte, uova o altro.

  1. Avere le mani legate

Fig.: non potere agire, non avere alcuna possibilità d’intervento in una situazione, come se si avessero le mani materialmente legate.

  1. Avere le mani lunghe

Rubacchiare, essere dei ladruncoli. Anche cercare di prendersi confidenze sconvenienti con una persona dell’altro sesso.

  1. Avere le mani sporche

Fig.: essersi macchiati di gravi reati o essere immischiati in qualcosa d’illecito, spesso con riferimento ad appropriazioni indebite. In senso lato, anche non essere onesti. Originariamente si diceva così degli assassini, che avevano quindi le mani sporche del sangue della loro vittime.

Var.: avere le mani pulite

  1. Avere per le mani

Letterale: occuparsi di qualcosa, averci a che fare, interessarsene, detto in genere di un affare, un lavoro, un’occasione e simili. Detto anche di una persona con la quale si sta iniziando una relazione amorosa.

  1. Avere una buona mano

Fig.: trovarsi in una situazione favorevole, avere buone possibilità di successo.

Nei giochi di carte, significa avere in mano un gioco che promette buone possibilità di vincere. La locuzione esiste anche nell’industria cartaria, e indica una carta con ottime caratteristiche di spessore, resistenza, ingualcibilità e così via.

Altro sign.: Saper dipingere o disegnare bene.

  1. Calcare la mano

Fig.: esagerare in rigore e severità, soprattutto se riferito a una punizione, un’accusa e simili.

  1. Cogliere con le mani nel sacco

Sorprendere qualcuno nell’atto di compiere qualcosa di scorretto, o con le prove evidenti della sua colpevolezza, come un ladro colto nel momento in cui nasconde la refurtiva in un sacco.

Var.: prendere con le mani nel sacco

  1. Con mano ferma

Fig.: con fermezza, con autorevolezza, senza cedimenti. Usato in genere per chi comanda o dirige qualcosa o qualcuno.

  1. Dar man forte

In origine, venire in aiuto di un debole per difenderlo con la forza della propria mano armata. Oggi semplicemente aiutare, sostenere, spalleggiare.

  1. Dare l’ultima mano

Fig.: finire un lavoro o simili dandogli gli ultimi ritocchi.

Viene dalle tecniche di verniciatura, poiché un tempo i colori si stendevano a mano ed è pure chiamato “mano” un singolo strato di colore. L’“ultima mano”, o “mano di finitura”, è l’applicazione finale che costituisce la rifinitura. La locuzione esiste nella stessa forma già in latino, ed era riferita tanto al lavoro di finitura di un artigiano quanto al perfezionamento finale di un’opera letteraria.

  1. Dare una mano

Aiutare, venire in soccorso di qualcuno.

  1. Dare una mano di colore

Dipingere, tinteggiare, verniciare; applicare un colore in genere, con particolare riferimento a un muro, a una parete, o anche a un oggetto qualsiasi. Usato anche in tono scherzoso per il trucco femminile.

  1. Dare una mano e vedersi prendere il braccio

Offrire aiuto o disponibilità, fare una piccola concessione a qualcuno che ne approfitta aumentando le pretese.

  1. Di bassa mano

Di umili condizioni, detto di una persona; mediocre, di qualità scadente, se riferito a una cosa.

  1. Di mano di qualcuno

Fatto personalmente o espressamente da una persona in particolare. Si dice in genere di un’opera d’arte, di una lettera, della firma di qualcuno e così via.

  1. Di prima mano

Nuovo, mai usato prima né da altri. Di una notizia, recentissima, inedita, che proviene direttamente dalla fonte.

  1. Di seconda mano

Già usato, non nuovo. Di una notizia, riportata da altri.

  1. Esser di mano

Fig.: essere nella posizione più favorevole per effettuare un’operazione. Deriva dai giochi di carte, e significa propriamente essere seduti a sinistra del mazziere, e quindi avere diritto a giocare per primi.

  1. Essere la lunga mano di qualcuno

Agire per conto di altri, esporsi o figurare al loro posto.

È la traduzione letterale della locuzione latina longa manus, che ha lo stesso significato.

  1. Essere la mano di Dio

Essere qualcosa di provvidenziale, che giunge a proposito, al momento giusto, come se Dio si muovesse personalmente a dare il suo aiuto.

Altro sign.: Evento sfortunato o doloroso che sembra colpire qualcuno per punirlo di qualche colpa, come se Dio si muovesse personalmente a infliggere un giusto castigo.

  1. Essere legato mani e piedi

Fig.: non avere la minima possibilità di agire, proprio come se si avessero le mani e i piedi legati.

Var.: legare mani e piedi; avere le mani legate

  1. Essere nelle mani di Dio

Affidarsi a Dio, accettare la sua volontà. Si dice in genere quando ci si trova in una situazione senza uscita o senza speranza, e in particolare in caso di grave malattie e di serio pericolo.

Altro sign.: Essere affidato alla bontà di Dio, e in senso lato anche al caso, alla sorte. Si dice quando non si sa cosa possa riservare il futuro a proposito della vita di una persona, dello sviluppo di una situazione e così via. Usato in particolare nelle situazioni di grave rischio, e soprattutto quando si ritiene di avere fatto tutto il possibile per agire nel modo migliore.

  1. Essere nelle mani di qualcuno

Essere prigioniero di qualcuno. In senso lato, essere in suo potere, dover sottostare alle sue decisioni e alla sua volontà.

Altro sign.: Affidarsi totalmente a qualcuno, o essere nelle condizioni di doverlo fare.

Altro sign.: Non avere potere decisionale, non avere possibilità d’intervento in una situazione o simili di cui s’incarica qualcun altro.

  1. Essere svelto di mano

Essere un borseggiatore o un abile ladruncolo.

Var.: essere di mano lesta

Altro sign.: Essere maneschi, ricorrere spesso alle percosse per indurre gli altri alla propria volontà. Anche essere sempre pronti ad azzuffarsi e a picchiarsi.

  1. Far man bassa

Arraffare, prendere tutto quello che si può. In genere collegato al rubare, ma si dice anche in riferimento al mangiare o al bere cose che piacciono molto.

La frase “mani a basso” era il segnale che negli antichi eserciti dava il via al saccheggio.

  1. Fare la mano morta

Toccare una persona dell’altro sesso in maniera sconveniente e facendo finta di nulla, soprattutto in luoghi affollati in cui si può sfruttare la confusione e la ressa.

  1. Fare una cosa con la mano sinistra

Fare una cosa con estrema facilità, quasi usando solo la mano sinistra ritenendo superfluo usare la destra.

Altro sign.: Fare una cosa con trascuratezza, senza la minima cura.

  1. Fare una cosa con una mano sola

Fare qualcosa con estrema facilità, quasi usando una sola mano ritenendo superfluo usarle entrambe. Anche fare una cosa con leggerezza e superficialità.

Altro sign.: Fare una cosa con leggerezza e superficialità, senza porvi l’attenzione dovuta.

  1. Fregarsi le mani

Fig.: manifestare grande soddisfazione.

Var.: sfregarsi le mani; stropicciarsi le mani

  1. Fuori mano

Lontano, scomodo, isolato, difficile e disagevole da raggiungere. Riferito a un luogo mal collegato con altre località.

  1. Giù le mani da…

Letterale: non toccare una data cosa. È oggi diffuso come slogan per manifestazioni di protesta a difesa di qualcosa, contro chi se ne vorrebbe impadronire indebitamente.

  1. In buone mani

Nelle mani di una persona di fiducia, detto di una cosa, una persona o una situazione affidata alle cure di chi se ne occuperà per il meglio.

Var.: in cattive mani; essere in buone mani; essere in cattive mani; mettere in buone mani; mettere in cattive mani

  1. In mani sicure

In condizioni di tutta sicurezza, detto di un oggetto prezioso, di un documento importante o di una persona cara che si affida alle cure di qualcuno.

  1. Lavarsene le mani

Disinteressarsi di qualcosa in cui non si vuole essere coinvolti, lasciare che se ne occupi qualcun altro.

È legato al gesto attribuito a Ponzio Pilato con il quale egli declinò qualsiasi responsabilità nella condanna di Gesù. L’episodio è riportato dal Vangelo di Matteo (XXVII, 24).

Var.: lavarsene mani e piedi; lavarsene le mani e anche i piedi

  1. Mani di fata

Riferito a una donna, grande maestria nei lavori classicamente femminili che richiedono abilità, delicatezza e pazienza, in particolare il ricamo, la maglia, l’uncinetto, il cucito e così via.

Altro sign.: Riferito indifferentemente a un uomo e a una donna, capacità di eseguire un lavoro con grande precisione e delicatezza. Usato soprattutto in campo medico e sanitario.

  1. Mani di pasta frolla

Mani prive di forza, riferito a una persona che lascia regolarmente cadere tutto, come se non riuscisse a conservare la presa. Anche figurato per chi manca d’energia, che non riesce a farsi obbedire, a tenere sotto controllo una situazione e così via.

Var.: mani di burro; mani di ricotta; mani di burro

  1. Mano di ferro in guanto di velluto

Energia e forza di volontà nascosti sotto un’apparente dolcezza. Si dice di chi sa far valere la propria autorità pur mantenendo un atteggiamento dolce e benevolo.

  1. Mano lesta

Borsaiolo, abile ladruncolo, così definito a causa della rapidità delle sue azioni.

  1. Menar le mani

Azzuffarsi, picchiarsi, fare a botte.

  1. Mettere la mano sul fuoco

Essere assolutamente certi di qualcosa, tanto da essere disposti a scommetterci e a risponderne personalmente. Riferito a una persona, garantire della sua onestà, capacità o simili.

Deriva dalle pene del Medio Evo, quando il mettere la mano nel fuoco faceva parte delle varie prove previste dal Giudizio di Dio. Un innocente avrebbe potuto contare sull’aiuto di Dio, e pertanto avrebbe ritirato la mano indenne. L’origine del detto potrebbe tuttavia essere ancora più antica, e risalire all’epoca romana e in particolare a Muzio Scevola, che avendo per errore ucciso un soldato invece del re Porsenna, secondo la tradizione affondò la mano destra in un braciere fumante per “punire la mano che ha sbagliato”.

  1. Mettere le mani addosso

Toccare fisicamente qualcuno per colpirlo, percuoterlo, malmenarlo. È usato anche nel senso di raggiungere un fuggiasco, di catturare un colpevole e così via.

Altro sign.: Prendersi delle libertà sconvenienti con una persona dell’altro sesso.

  1. Mettere le mani avanti

Prendere misure cautelative per evitare la possibilità di essere coinvolti in qualcosa o accusati di una colpa; addurre in anticipo argomenti che possono prevenire un’obiezione o simili.

Il detto sembra derivare dal gesto istintivo che si fa quando ci rende conto di essere sul punto di cadere a terra in avanti.

  1. Mettere le mani su…

Di un oggetto, assicurarsene il possesso. Di una persona, catturarla o simili, anche in senso figurato, e spesso scherzoso.

  1. Metter mano a…

Fig.: cominciare a fare qualcosa, dare inizio a un lavoro o altro.

Var.: porre mano

Altro sign.: Estrarre, tirar fuori, riferito in particolare al portafoglio quando si deve effettuare un pagamento.

In origine, la locuzione era riferita alla spada, che si estraeva per affrontare o uccidere qualcuno.

  1. Mettersi le mani nei capelli

Fig.: manifestare profonda disperazione, impotenza, esasperazione, come se ci si volesse strappare i capelli per sfogarsi. Anche ironico e scherzoso.

Il gesto faceva parte del rituale seguito dalle prefiche, cioè delle donne che venivano chiamate per piangere un defunto.

  1. Mettersi nelle mani di qualcuno

Affidarsi a qualcuno di cui ci si fida, per esempio un medico o un avvocato, delegandogli scelte e decisioni.

  1. Mettersi una mano sul petto

Affermare la propria lealtà o la sincerità di quanto si dichiara. Anche dimostrare il proprio impegno nel fare qualcosa, o ancora assicurare l’intenzione di volersi comportare con umanità e giustizia.

Viene da un antico gesto rituale che equivaleva a offrire al sovrano o al proprio signore la disponibilità del proprio cuore, inteso come lealtà e fedeltà ma anche come braccio armato, dichiarandosi quindi pronti a combattere per lui.

Var.: mettersi una mano sul cuore

  1. Mettersi una mano sulla coscienza (fam)

Fig.: essere assolutamente sinceri, spassionati; anche essere giusti, agire con umanità; oppure prendersi le proprie responsabilità dopo un accurato esame di coscienza. Oggi si usa prevalentemente per invitare qualcuno a essere comprensivo, umano e simili.

Var.: mettersi una mano sul cuore

  1. Mordersi le mani

Fig.: rodersi di rabbia per un comportamento sbagliato o per qualcosa che si è perduto e da cui si sarebbe potuto avere grande vantaggio.

Var.: mangiarsi le mani; rodersi le mani

Altro sign.: Tormentarsi, arrovellarsi; essere in ansia e simili.

  1. Non far sapere alla mano destra quello che fa la sinistra

Essere molto discreti; non raccontare o riferire i fatti propri o altrui; agire con grande discrezione senza rendere note le proprie azioni, in particolare quando si tratta di opere caritatevoli e simili.

È una frase riportata dal Vangelo secondo Matteo (6,3) e attribuita a Gesù in occasione del discorso della montagna: “Quando fai l’elemosina non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti segreta.” L’intenzione è di mettere in guardia dal compiere opere buone solo per guadagnarsi una ricompensa o l’ammirazione degli altri.

  1. Passare la mano

Fig.: rinunciare a un’impresa, cedere di fronte ad un avversario che si considera più forte; ritirarsi.

Nel linguaggio dei giocatori significa rifiutare il gioco perché non si hanno buone carte.

Var.: cedere la mano

  1. Prender la mano a qualcosa

Diventare pratici di qualcosa, farci l’abitudine, detto in genere di un’attività prettamente manuale.

Var.: far la mano a qualcosa

  1. Prender la mano a qualcuno

Fig.: sfuggire al controllo, detto di una situazione e simili; di una persona, anche agire di propria volontà, senza più seguire direttive altrui.

Si dice nel mondo dell’ippica di un cavallo che il cavaliere non riesce più a dominare.

  1. Reggere la mano a…

Fig.: guidare qualcuno in un’azione, consigliarlo, istruirlo e così via. In senso lato, anche fargli far quello che si vuole, farlo agire come si desidera per i propri scopi.

Var.: guidare la mano; tenere la mano

  1. Restare a mani vuote

Letterale: restare senza niente, in particolare dopo avere operato in vista di una guadagno, un vantaggio o simili.

  1. Restare con le mani piene di vento

Fig.: restare senza niente, non trarre il vantaggio previsto, in particolare dopo avere operato, lavorato e magari anche speso in vista di un guadagno e simili.

  1. Sentirsi prudere le mani

Fig.: sentir voglia di percuotere qualcuno, in genere per esasperazione. Anche scherzoso.

  1. Sotto mano

Vicino, comodo da prendere, a disposizione.

  1. Sporcarsi le mani

Partecipare a un’azione poco onesta, o anche solo trattare con persone poco raccomandabili.

Altro sign.: Fare lavori che richiedono l’uso delle mani, e in particolare usando materiali che le sporcano.

  1. Star con le mani sui fianchi

Essere inoperosi, starsene in disparte a guardare gli altri che lavorano.

  1. Stare con le mani in tasca

Fig.: non far nulla, come in effetti accade a chi tiene le mani in tasca. Usato soprattutto in contrapposizione ad altri che lavorano. Anche essere impossibilitati ad agire.

  1. Starsene con le mani in mano

Oziare, poltrire; non lavorare, essere inattivi, per scelta o anche per costrizione.

  1. Stendere la mano

Mendicare, chiedere l’elemosina. In senso figurato, chiedere aiuto, soccorso; spesso ironico o scherzoso.

  1. Tendere una mano a qualcuno

Venire in aiuto a qualcuno che si trova in condizioni di bisogno.

  1. Tener mano a qualcuno

Favorire o aiutare qualcuno in un’azione disonesta, scorretta, clandestina o simili; esserne complici o quanto meno a conoscenza.

  1. Tenere le mani a posto

Non mettere le mani addosso a una persona e quindi evitare di prendersi con qualcuno confidenze a lui sgradite, usato soprattutto in riferimento ai rapporti tra un uomo e una donna. In senso lato, anche sorvegliare i propri gesti e quindi il proprio comportamento.

Altro sign.: Non essere maneschi, evitare di toccare una persona per percuoterla.

  1. Tirarle fuori dalle mani (fam)

Fig.: attirare i ceffoni, quasi tirandoglieli fuori dalle mani, comportandosi in maniera irritante e indisponente con qualcuno. Riferito in genere a rapporti tra genitori e figli.

Var.: far prudere le mani

  1. Toccare con mano

Fig.: accertarsi personalmente di qualcosa.

Allude alla richiesta di San Tommaso, che non avendo assistito alla prima apparizione di Gesù rifiutò di credere alla sua resurrezione se non a condizione di “mettere il dito al posto dei chiodi e mettere la mano nel suo costato”, come dice il Vangelo di Giovanni (XX, 25 e 27-29).

  1. Torcersi le mani

Soffrire, avere un grave cruccio, tormentarsi; essere in angoscia, in preda all’ansia; anche arrovellarsi su un grave problema cui non si riesce a trovare soluzione.

  1. Venire alle mani

Venire alla rissa, allo scontro fisico; picchiarsi, azzuffarsi.

  1. Venire per le mani

Riferito a un oggetto, trovarlo casualmente, senza averlo cercato. Di una situazione o simili, avere l’occasione di esaminarla, considerarla, valutarla, e d’intervenirvi o approfittarne. Riferito a una persona, incontrarla per regolare una questione rimasta in sospeso, per avanzare una richiesta, ottenere o dare un’informazione, oppure anche per litigarci.

 


Humanitas Gradenigo: Dr. Pivato

Category : PRESS AREA

Quando le mani si stressano: come proteggerle con 7 piccole azioni quotidiane

«Eseguire i gesti in maniera appropriata riduce lo stress sulle articolazioni e diminuisce il rischio di infiammazioni e usura delle cartilagini», spiega il dottor Giorgio Pivato, responsabile del Centro di Chirurgia della mano di Humanitas Torino. 
Dal 10 marzo Humanitas Gradenigo ospita il primo corso di “Principi di Chirurgia della mano” con specialisti nazionali e internazionali.


2016: Nasce GAMS (Gruppo Associati Chirurgia Mano Sport)

Category : NEWS

GAMS

Messaggio importante per tutti gli sportivi: È nato Il GAMS (Gruppo Associati Chirurgia Mano Sport), il primo gruppo italiano di chirurghi e terapisti della mano dedicato esclusivamente al trattamento delle Patologie della Mano e del Polso nello Sportivo.

Il Team è composto da un’equipe altamente specializzata formata da chirurghi, fisioterapisti, riabilitatori, che lavora in stretta collaborazione con altre figure professionali indispensabili ad un atleta quali psicologi, nutrizionisti, radiologi, neurologi, e fisiatri.

Maggiori informazioni potete trovarle qui


53° Congresso Nazionale SICM, Viterbo (Università degli Studi della Tuscia) 8- e 10 Ottobre 2015.

Category : NEWS

congresso_viterbo
Il Dottor Giorgio Pivato è stato invitato a prendere parte al 53° Congresso Nazionale SICM che si svolgerà a Viterbo (Università degli Studi della Tuscia – Via S.M. in Gradi n.4) nei giorni 8-9-10 Ottobre 2015.
Il Dottore interverrà:
–  il giorno 08/10/2015 in qualità di Relatore all’interno del Corso di istruzione di microchirurgia in chirurgia della mano (Sala 2) in orario 14:10-16:00 con una relazione dal titolo Il trattamento dei neuromi dolorosi terminali;
–  il giorno 10/10/2015 in qualità di Moderatore all’interno della Sessione: Mano e sport 1 (Sala 1) in orario 09:00-11:00
A questo link trovi il pdf con il programma per intero di questo congresso:

Invito all’International EFOST Sports Trauma Congress, Torino – 28 Novembre 2015

Category : NEWS

cover-efost_0

The congress venue is The University of Technology “Politecnico di Torino”, a leading engineering center in Italy located in the Piedmont nearby the Alps.

Giorgio Pivato he’s been invited to be there On Saturday 28 November with a lecture planned in the following session:
8.00-9.00   WRIST Combined Session  EFOST-ISSPORTH

Chairs: Grzegorz Adamczyk, Mike Loosemore, Loris Pegoli

Evaluation of wrist sports injuries – Grzegorz Adamczyk

Ulnar wrist pain in sports – Loris Pegoli

Endoscopy in wrist and forearm sports pathologies – Giorgio Pivato

Management of neural wrist sports injuries – Bruno Battiston

EFOSR: European Federation of National Associations of Orthopaedic Sports Traumatology

www.efost2015.org


UNA MANO ITALIANA SULL’EUROPA: UN PRESTIGIOSO RICONOSCIMENTO INTERNAZIONALE PER IL DOTT. G. PIVATO

Category : NEWS

La Federazione Europea delle Società di Chirurgia della Mano (Federation of European Societies for Surgery of the Hand) ha nominato il Dottor Giorgio Pivato membro del Consiglio Direttivo con il ruolo di Chairman del “Public Relations Committee” ossia responsabile delle relazioni pubbliche della FESSH.

 

com stampa